sabato 8 marzo 2014

Quinoa con radicchio, spinaci, alghe arame e mandorle

Nessun formalismo, nessuna retorica
è ora di festeggiare sul serio la
FESTA DELLA DONNA
lo dobbiamo per le nostre nonne, per le nostre madri
che con grande forza di volontà e coraggio 
hanno rotto gli schemi polverosi e stantii
di un mondo vecchio, retrogrado ed egoista

INDIPENDENZA
questa è la parola d'ordine che mi ha insegnato mia madre
LIBERTA'
il credo che ho ripetuto ogni sera prima di coricarmi
RISPETTO
è la parola d'ordine che mi apre le porte della vita

ora tocca a noi riprendere le redini della nostra vita 
e  quella delle nostre figlie
perchè il mondo è impazzito e ci vuol 
ridurre a uno stereotipo pubblicitario
dalla pelle di porcellana, dalle curve in esposizione 
e soprattutto 
dalla bocca chiusa

RIFIUTIAMO
i soprusi, le ingiustizie, le costrizioni, la violenza 

e

URLIAMO A GRAN VOCE 
I NOSTRI NOMI FEMMINILI

BUON 8 MARZO 
a TUTTE!!!



... la ricetta 
perchè idealmente oggi a tavola, 
brinderò con tutte le donne del mondo... 




INGREDIENTI

quinoa
cipolla
spinaci
alghe ARAME
radicchio rosso precoce
mandorle
lievito alimentare secco in fiocchi,
olio d'oliva, sale marino




Con questa ricetta aderisco all'iniziativa di LE RICETTE DI SALUTIAMOCI: questo mese è ospitata dalla dolcissima  DARIA e l'ingrediente da celebrare è la fantastica QUINOA. 
QUI potete trovare un'altra ricettina e la descrizione delle eccezionali  proprietà di questi simpatici semini.
PREPARAZIONE

Risciacquate sotto l'acqua corrente la quinoa (per 1 persona: 1/2 bicchiere di quinoa). Mettete 1 volume di quinoa con 2 volumi di acqua fredda in una pentola e fate cuocere per circa 20-30 minuti. Spegnete il fuoco e lasciate che la quinoa si gonfi sulla pentola di cottura: salate leggermente.
Mettete in ammollo l'alga ARAME con acqua per almeno 30 minuti; scolate l'acqua e condite con sale e il succo di limone.
Fate scaldare in padella un cucchiaio d'olio d'oliva e aggiungete la cipolla affettata, il radicchio  e gli spinaci tagliati a listarelle; salate e spegnete quando le verdure saranno appassite. Aggiungete la quinoa sgranata e le alghe: controllate la sapidità e aggiungete un filo d'olio.
Tritate grossolanamente una manciata di mandorle e aggiungete  del lievito alimentare secco in fiocchi (l'idea l'ho trovata su TERRA&MADRE) ottenendo una sorta di formaggio vegetale delizioso da spargere sul vostro piatto.
Servite tiepido.






17 commenti:

  1. Hai ragione Mari condivido con te buona festa della donna anche a te!! e complimenti per questa ricettina semplice e gustosa! un abbraccio a presto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Stefania... a prestissimo!!!!

      Elimina
  2. Che bellissima introduzione..io urlerò con te a gran voce :-D
    Buonissima anche la tua proposta, mi devo decidere a provare questa quinoa..sono troppo curiosa di assaggiarla e il tuo piatto mi ha dato la giusta spinta ^_^
    Buon we cara <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facciamoci sentire e per una volta usciamo dalle nostre cucine!!! :-)

      Elimina
  3. Condivido pienamente il tuo pensiero,speriamo che qualcosa cambi in fretta.Un abbraccio per questa giornata e buon fine settimana.Ricetta super come sempre ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura!...l'unione fa la forza!

      Elimina
  4. Che bell'articolo, trasmette tanta energia positiva! Piatto ottimo e dall' aspetto fantastico, brava Mari!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dobbiamo essere positive e guardare avanti con fiducia!!! :-)

      Elimina
  5. Dear Mari,
    your are soooo right! Lets stay fabulous!
    A powerful time
    Elisabeth

    RispondiElimina
    Risposte
    1. W-the-women!
      Unity is strength ... ;-)

      Elimina
  6. Grazie per la ricetta! Ottima e ricca di colore e sapore!

    RispondiElimina
  7. Ma ti avevo scritto un commento ieri... Dov'è finito? Comunque stupenda ricetta e bellissima quest'idea di Salutiamoci che non conoscevo ma che ho scoperto grazie a te. Mi sa che mi segnerò gli appuntamenti mensili perché trovo sia molto utile segnalare anche questo tipo di alimenti magari sono poco conosciuti, proponendo ricette che li valorizzino ed invoglino le persone a mangiare un po' più sano senza con questo rinunciare al gusto.
    Bravissima!
    Un abbraccione

    RispondiElimina
  8. Bellissime le tue parole!!! Che dire del resto, ormai so che mi ripeto, ma adoro i colori delle tue foto :) Il piatto mi ispira tantissimo, sei sempre innovativa e originale :)

    RispondiElimina
  9. è da un pezzo che ti dico: tu mi piaci ragazza!me lo hai confermato con le tue belle parole sull' 8 marzo.
    bella anche la ricetta.
    un bacione

    RispondiElimina
  10. ecco che la mari mi sorprende sempre e ancora e ancora ogni giorno!
    le alghe le ho mangiate solo 2 volte sai? e una di qst è stata al mio matrimonio! :) mi son piaciute eh?

    RispondiElimina
  11. In cima alla lista io metterei il volersi bene, il curare la propria autostima. Indipendenza, libertà e rispetto non ci saranno mai finché le donne, ognuna per proprio conto, non impareranno veramente a volersi autenticamente bene. Solo chi si ama veramente sceglie per se' il meglio. In ogni donna maltattata c'è una donna che non si vuol bene, in ogni donna che sta dentro una relazione affettiva che non la appaga ma ciò nonostante mendica amore, c'è una donna che si vuol bene. E volersi bene e' anche scegliere alimenti di alto valore nutritivo, come la quinoa.

    RispondiElimina

Mi fa piacere se lasci un commento...
Se sei anonimo per favore firmati! Grazie